Sprechi Pubblica Amministrazione costano 20 miliardi all’anno: si possono evitare in maniera semplicissima

By | 17 luglio , 2016

Lo Stato spreca 20 miliardi all’anno, letteralmente buttati al vento, una cifra che equivale grossomodo ad una manovra finanziaria o legge di stabilità come si chiama adesso. I vari enti e strutture dello Stato, Università, ASL, Ministeri, Comuni, Province, Regioni e organi istituzionali, costano, nel totale, 87 miliardi di Euro all’anno. Lo Stato ha da tempo istituito una Centrale di approvvigionamento attraverso la quale, grazie a convenzioni con fornitori nazionali, qualunque ente o struttura dello Stato può acquistare ciò che necessita ad un costo minore di quello che può spuntare autonomamente.

E’ il principio della grande distribuzione, sostanzialmente. Purtroppo solo il 17% delle strutture statali si avvale di questa Centrale, continuando a fare i propri acquisti per proprio conto e spendendo molto di più di quanto potrebbe. Si scopre così, da dati Istat e Mef che una city car viene pagata 9707 € contro il costo che dovrebbe essere di 7911 (+17%), i furgoni vengono pagati il 25% in più, il costo delle fotocopie potrebbe essere più basso del 43% e nella quantità significa un bel po’ di soldi.

A conti fatti, su 87 miliardi spesi, se ne potrebbero risparmiare circa 20, alleggerendo un po’ il peso delle tasse o investendoli per il bene comune. Ci si domanda perché il governo tollera ulteriormente un tale enorme spreco evitabile in maniera semplicissima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *