Omega-3 e bambini

By | 23 giugno , 2017

I bambini sono in fase di crescita, quindi hanno bisogno di un sacco di sostanze nutritive, come vitamine, minerali, grassi, ecc, tutto contribuisce a un sano sviluppo della loro fisiologia.Tuttavia, i bambini potrebbero non ottenere tutto ciò di cui hanno bisogno dal cibo. Fortunatamente, è possibile aggiungere supplementi alla loro dieta per garantire che essi ricevano una ricca offerta di sostanze nutritive. La ricerca dimostra che l’olio di pesce non solo aiuta i bambini con difficoltà di apprendimento come la dislessia, l’ADHD e gli adulti con condizioni come schizofrenia e depressione, ma proteggono anche il cuore e riducono il dolore dell’artrite.

Alcuni studi hanno in oltre dimostrato come le dosi regolari di oli di pesce aumentano drasticamente le prestazioni dei bambini piccoli a scuola. Quasi i tre quarti dei giovani di età scolari diverse hanno mostrato miglioramenti nel calcolo, nella lettura e nella scrittura dopo aver preso supplementi di oli di pesce per nove mesi. Questi risultati, in linea con altre prove, dimostrano che gli oli di pesce possono davvero migliorare il comportamento e l’apprendimento in molti bambini. Sono gli acidi grassi Omega-3 – in particolare EPA e DHA – che contengono che rendono gli oli di pesce così vantaggiosi.

Purtroppo il corpo non può creare da se Omega-3,  la fonte migliore rimane appunto l’olio di pesce. Ma il problema, come la maggior parte dei genitori sa, è che i bambini non lo amano, quindi gli integratori Omega-3 stanno diventando un’opzione popolare. L’olio di fegato di merluzzo tradizionale non è particolarmente ricco in EPA e DHA, ma contiene anche le vitamine A e D solubili in grassi, che possono essere tossiche in eccesso, pertanto non sono consigliate dosi elevate a lungo termine.

Non esiste una regola chiara su quanto EPA e DHA dovrebbero prendere il bambini, la dose comunque consigliata è circa 450-500mg al giorno combinato EPA e DHA. Alcuni bambini potrebbero avere bisogno di una dose ancora maggiore per vedere reali vantaggi – ma non piú di altri 1000mg, senza una supervisione medica. Non dovrebbe esservi alcun pericolo serio per il sovradosaggio nei bambino di oli di pesce, ma un eccesso può causare uno scombussolamento intestinale. Può capitare anche che alcuni individui siano allergici agli oli di pesce, per questo prima di assumerli è sempre utile parlarne col medico. Una nota negativa degli oli di pesce è il loro sapore non molto gradevole, il che può risultare un problema nel farli assumere ai bambini, quindi è bene scegliere integratori che abbiano un sapore gradevole.

L’olio di pesce è un integratore sicuro che contiene pochi effetti collaterali, ma alcuni bambini dovrebbero evitarlo. Per esempio, coloro che sono allergici al pesce o frutti di mare non devono assumere integratori. Inoltre, i bambini che stanno assumendo anticoagulanti o antiaggreganti piastrinici dovrebbero consultare il loro medico di base prima di utilizzarli. Oltre a queste limitazioni, la maggior parte dei bambini possono tranquillamente assumerlo. Pur mangiando pesce ogni settimana i bambini non otterrebbero la quantità di omega-3 di cui hanno bisogno per sostenere il loro sviluppo. Inoltre molti pesci di grandi dimensioni (come il  tonno bianco) contengono mercurio, per cui i medici raccomandano di limitarne l’assunzione. Secondo la Food and Drug Administration, i bambini dovrebbero consumare solo una porzione di tonno bianco a settimana , e due o tre porzioni di pesce a basso contenuto di mercurio (ad esempio, merluzzo o di salmone). Quindi il miglior modo per assumere il giusto quantitativo di omega-3 rimane il consumo di supplementi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *